(troppo vecchio per rispondere)
[ot] endovena
Alphio
2003-09-01 20:05:02 UTC
ma dico, è possibile morire perchè facendo un'endovena si sbaglia vena, e
che so, si becca l'arteria??lo chiedo qui perchè magari ne sapete
qualcosa...
Premessa: un medico o un infermiere professionale (io non lo sono) ti
potrebbero rispondere con maggior precisione... CMQ questo dubbio lo ebbi
anch'io e la risposta fu:

1- No prendere un'arteria e' molto difficile anche volontariamente in
quanto stanno piu' "a fondo" delle vene.
2- Sfatare il mito della bollicina d'aria che ti manda in embolia...
servono diversi CC d'aria perche' succeda.
3- Usare sostanze tossiche per endevena puo' causare con molta probabilita'
e in tempi relativamente brevi delle flebiti dolorosissime, potenzialmente
molto pericolose a causa dei coaguli di sangue e pressoche' impossibili da
guarire (al massimo possono migliorare leggermente su tempi lunghissimi).

Vedi tu se ne vale la pena.

XXX by Alphio
andreaex
2003-09-02 08:30:02 UTC
Post by Alphio
3- Usare sostanze tossiche per endevena puo' causare con molta probabilita'
e in tempi relativamente brevi delle flebiti dolorosissime, potenzialmente
molto pericolose a causa dei coaguli di sangue e pressoche' impossibili da
guarire (al massimo possono migliorare leggermente su tempi lunghissimi).
Vedi tu se ne vale la pena.
XXX by Alphio
Guarda che le flebiti guariscono completamente con una settimana di
antibiotici ,
By
--
questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
Anguill@__________
2003-09-02 21:35:02 UTC
ma dico, è possibile morire perchè facendo un'endovena si sbaglia vena, e
che so, si becca l'arteria??lo chiedo qui perchè magari ne sapete
qualcosa...
A:..prendere un'arteria x sbaglio può essere perikoloso...ma è piuttosto
difficile...
ci se ne akkorge xkè il sangue riempirebbe kon forza la spada da
solo...allora sarebbe meglio levare tutto e rekarsi al pronto sokkorso (o
almeno kosì avevo letto su un sito sulla riduzione del danno...mi pare della
lila)....
l'uso endovenoso di sostanze illegali (kuindi kon nessuna garanzia igenika e
di kualità, tagliate kon kissà kosa e in percentuali variabilissime) può
essere molto perikoloso (flebiti, overdose, infezioni ecc ecc...)...inoltre
certe sostanze spakkano abbastanza lwe vene (coca e benzo)...poi facendosi
spesso...dopo un po' farsi risulta sempre + difficile.....

io uso (un paio di volte a settimana) coca e roba in vena....(ho usato anke
le benzo ma solo xkè ero blokkata in ospedale e non avevo di meglio)....
è piacevole...anke molto...ma non pensare ke sia il paradiso...

e...mi fa uno strano effetto kuando posti e vedo ke assomigli molto a
kom'ero io un anno fa....

ciao
by
***@__________
andreaex
2003-09-04 08:25:01 UTC
Post by andreaex
Guarda che le flebiti guariscono completamente con una settimana di
antibiotici ,
???? Fermo li' e dimmi tutto se ne sai... vado OT ma mi scuseranno tutti...
il mio personale problema di flebiti non e' originato da droghe ma da
chemio.
Per quanto riguarda la chemio non sò , ma la classica flebite causata
da schifezze varie che ti inietti , una volta una caviglia mi era
diventata come un pallone da rugby , comunque dopo una settimana di
antibiotici (Velamox - 2 pro die) tutto passato il che si è ripetuto
più di una volta però ripeto forse per la chemio è diverso cmq che tu
possa risolvere al più presto i tuoi problemi ,in bocca al lupo..!
By
--
questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
Anguill@__________
2003-09-05 09:20:01 UTC
Forse sto dimenticando qualche nozione medica fondamentale, però mi pare >
che sia il sangue venoso (di ritorno dalle zone periferiche) ad arrivare >
prima al cuore rispetto a quello arterioso. Sbaglio?

A:...rammentando le mie nozioni di anatomia...mi pare ke tu abbia
ragione.....
mi pare inoltre ke un'iniezione endoarteriosa sia perikolosa x le possibili
komplikazioni in loko + ke x un ipotetiko riskio di infarto...
la coca può anke provokare un infarto...anke se iniettata korrettamente...ma
kuesto mi pare sia da imputare all'innalzamento della pressione e non alla
sua azione di anestetiko lokale...
la coca iniettata in vena komunkue è molto irritante...e distrugge
abbastanza le suddette....

ciao
by
***@__________-
Alphio
2003-09-05 18:00:03 UTC
Post by andreaex
forse per la chemio è diverso
Ho capito te parli della flebite acuta e presa per tempo... senza
formazione di coaguli (trombi). Quella dei "tossici duri" o anche causata
dalla chemio e' la cronicizzazione di ripetuti episodi acuti. Si formano
sti' maledetti trombi e sei... trombato (e' il caso di dirlo).
Post by andreaex
in bocca al lupo..!
Grazie, il "problema grosso" e' ormai risolto; ancora un anno e' sto
"statisticamente" fuori pericolo di recidiva... per le flebiti... embhe' e'
andata cosi' CMQ sono vivo per raccontarla. ;-) E' una fonte di grossi
fastidi pero' stateci attenti, al primo problema prendere subito
provvedimenti. (Cosi' come hai fatto tu).

XXX by Alphio
Anti
2003-09-05 18:10:02 UTC
dipende da quello che c'è nella siringa...in effetti iniettare cocaina
in
arteria non credo sia una grande idea, arriva subito al cuore ed è un
anestetico locale...quindi aritmogeno, si rischia la morte improvvisa
(fibrillazione ventricolare) mi sa, ma non vorrei dire cazzate...se
inietti
ero non so che succeda, ma l'idea mi pare molto negativa...
Forse sto dimenticando qualche nozione medica fondamentale, però mi pare
che sia il sangue venoso (di ritorno dalle zone periferiche) ad arrivare
prima al cuore rispetto a quello arterioso. Sbaglio?
no hai ragione...non so perchè mi è venuta quella frase...boh!! :)) infatti
sentivo che stavo dicendo cazzate *non vorrei dire cazzate*...era
nell'aria...capita! Ora ripensando probabilmente iniettare in arteria
potrebbe far male perchè l'endotelio (la parte più interna delle arterie,
quella a contatto con il sangue) è molto sensibile a sostanze con ph diverso
da quello del sangue...essendo la coca una sostanza con ph elevato potrebbe
danneggiare l'endotelio...e forse forse persino causare amputazione
dell'arto, come succede con sostanze dal ph elevato
....così aggiungiamo cazzata a cazzata :)) no dai...questa dovrebbe essere
più giusta...
Quanto il discorso sul fatto che la coca è una sostanza che può determinare
aritmie è verissimo, è perciò è pericoloso iniettarsi coca in vena per
questo motivo...il fatto che in vena giunga prima al cuore non fa altro che
aumentare il rischio. Invece l'iniezione in arteria è dannosa per le
arterie.

Anti

--
Finì con i campi alle ortiche,
finì con un flauto spezzato
e un ridere rauco e ricordi tanti
e nemmeno un rimpianto.

(F. De Andrè, Il suonatore Jones)
Anti
2003-09-05 18:50:01 UTC
Post by ***@__________
A:...rammentando le mie nozioni di anatomia...mi pare ke tu abbia
ragione.....
infatti ho scritto una cazzata..non so perchè! mea culpa! ero sovrappensiero
Post by ***@__________
mi pare inoltre ke un'iniezione endoarteriosa sia perikolosa x le possibili
komplikazioni in loko
è probabile che possa danneggiare le arterie...mandando anche affanculo
l'arto
Post by ***@__________
la coca può anke provokare un infarto...anke se iniettata
korrettamente...ma
Post by ***@__________
kuesto mi pare sia da imputare all'innalzamento della pressione e non alla
sua azione di anestetiko lokale...
l'infarto lo può causare, ma può anche dare un arresto cardiaco per
fibrillazione ventricolare, che è dovuto alla sua azione di anestetico
locale. I farmaci antiaritmici come la lidocaina hanno la peculiarità di
essere anche aritmogeni...è una cosa curiosa ma è così..infatti sono farmaci
il cui dosaggio deve essere scrupolosissimo, sono fra i farmaci più
pericolosi. La cocaina agisce tipo la lidocaina sul cuore. Inoltre la
cocaina può causare ictus cerebrale ed emorragia cerebrale.
Post by ***@__________
la coca iniettata in vena komunkue è molto irritante...e distrugge
abbastanza le suddette....
...non immagino ciò che fa alle arterie...oltretutto non stiamo neanche
parlando di coca purificata, ma di chissà che merda..


Anti


--
Finì con i campi alle ortiche,
finì con un flauto spezzato
e un ridere rauco e ricordi tanti
e nemmeno un rimpianto.

(F. De Andrè, Il suonatore Jones)